img_4161_

in Senza categoria

Visita alle cantine Conti Zecca di Leverano

Arrivati la mattina del 13 dicembre alla cantina noi studenti siamo stati divisi in 2 gruppi; mentre il primo gruppo è andato direttamente alla degustazione dei vini noi eravamo con il gruppo che ha visitato per prima cosa lo stabilimento di produzione. Partendo dall’esterno abbiamo osservato le vasche di pestaggio dell’uva:  le vasche erano 2, una per l’uva bianca e una per l’uva nera . Dopo essere stata pigiata, l’uva veniva fatta passare attraverso dei tubi di alluminio, che la portavano all’interno dello stabilimento; qui veniva divisa, cioè nella parte destra del capannone veniva lavorata l’uva bianca e nella parte sinistra l’uva nera. La separazione delle uve avviene per non alterare il gusto , i colori e gli odori del vino che verrà successivamente  prodotto;  il procedimento di produzione è lo stesso, cambia solo un macchinario, che è presente soltanto nel processo dell’uva bianca, ovvero un filtro che serve per dare la trasparenza al futuro vino. Dopo i vari procedimenti, il MOSTO viene messo a riposare nelle botti  anch’esse divise: il MOSTO nero nelle botti di cemento e il MOSTO bianco nelle botti d’alluminio. Dopo la filtrazione, il riposo continua nei sotterranei dove sono presenti più di 3000 botti di legno. L’ultimo passaggio di quello che oramai è vino è l’imbottigliamento: un processo molto delicato, dove le bottiglie in vetro vengono riempite, etichettate e inscatolate, pronte per andare nei negozi all’ interno del recinto della cantina. Qui i gruppi si sono dati il cambio e noi siamo entrati nel punto vendita, dove è stata allestita una serie di tavolini perché noi potessimo assaggiare tre tipi di vino: il primo era il vino bianco dal sapore aspro e con un retrogusto di agrumi, il secondo è stato il rosato, dal sapore dolce e fruttato, e infine l’immancabile rosso, molto forte come sapore, ma comunque molto buono.
img_4145_